Avere un animale in casa è il sogno di tutti i bambini, ma spesso non dei genitori. Un animale richiede cure e attenzioni, nonché dispendio di denaro. Tuttavia spesso ci si dimentica che non solo cani e gatti sono animali domestici. Negli ultimi anni si è diffusa la pratica di allevare e tenere in casa anche altri simpatici animaletti, come criceticonigli e tartarughe.
La prima cosa da sapere è che esistono tartarughe di acqua e di terra.
Per quanto riguarda le tartarughe di acqua, quelle marine sono generalmente protette in quanto in via d’estinzione e quindi non è permesso tenerle in casa, quelle palustri, invece, si trovano in commercio, in particolare la tartaruga americana che è la più comune. Il suo vero nome è Trachemys Scripta e si tratta di un bellissimo esemplare di animale esotico, sono originarie degli Stati Uniti e se ben accudite possono vivere anche più di 30 anni: sono tartarughe d’acqua dolce, con il carapace di forma ovale e di colore verde che si scurisce con l’età fino a diventare quasi nero, il piastrone di colore giallo con delle macchie nere unito al carapace lungo i margini laterali e, nella specie più rara in natura, hanno due macchie rosse accanto agli occhi. Questo esemplare si distingue dagli altri perchè ha il piastrone concavo e le unghie e la coda più lunghe. La pelle è verde con strisce gialle. Le tartarughe di acqua sono rettili piuttosto resistenti, facili da gestire e divertenti da osservare nell’acquaterrario; è necessario però conoscerle bene per rispettare la loro natura e le loro esigenze. Le tartarughe di acqua dolce hanno cinque dita che sono unite fra loro da una sottile membrana che facilita l’attività natatoria. La testa ha un becco e ha la possibilità di ritrarsi nella corazza, come sistema di difesa da eventuali attacchi. In linea di massima, questi rettili non si prestano molto volentieri alle carezze, di conseguenza è sconsigliato tenerle troppo spesso o troppo a lungo in mano, a ogni modo alcune specie riconoscono la persona che si prende cura di loro e le si avvicinano senza problemi.

    Tra le specie più famose si ricordano:

  • Chinemys reevesii o tartaruga cinese delle paludi; è una specie molto resistente, consigliata a chi non ha molta esperienza con le tartarughe di acqua.
  • Malaclemys terrapin o tartaruga diamante; ha indole estremamente pacifica ed è una tra le specie più belle.
  • Phrynops hilarii o tartaruga Hilary; è una specie che si avvicina volentieri alle persone ed è dotata i baffetti che la rendono facilmente distinguibile.

Le tartarughe di acqua non presentano grossi problemi nell’adattamento in un contesto domestico, ed è forse questo il motivo per cui troppo spesso si vedono esemplari relegati in vasche estremamente piccole, nelle quali questi animali sopravvivono con difficoltà. Il laghetto, anche di piccole dimensioni (2 x 3m), rimane il luogo migliore dove accudire le tartarughe in cattività, ovviamente deve essere debitamente attrezzato con strumenti per il rifornimento e il filtraggio dell’acqua, con tronchi e sassi e vegetazione.

Ad ogni modo, la maggior parte di coloro che hanno o che desiderano avere delle tartarughe di acqua non ha lo spazio, la disponibilità o il tempo per curare un laghetto e opta per un acquaterrario per tartarughe da tenere in casa. A questo punto, è importante conoscere le caratteristiche di questi rettili, al fine di fornire loro un habitat sereno. Le tartarughe di acqua amano muoversi e nuotare, e l’acquaterrario, a differenza delle solite minuscole vaschette, garantisce lo spazio ideale sia per il movimento in acqua sia per le soste all’asciutto sia per una corretta vegetazione di cui amano cibarsi. La scelta della grandezza della vasca per tartarughe deve tener conto della dimensione e del numero degli esemplari che si vogliono tenere; l’arredamento deve essere costituito, oltre che da un fondo, da zone d’acqua e zone asciutte facilmente accessibili da parte della tartaruga; le dimensioni di queste zone variano in base alle caratteristiche dell’animale che può essere acquatico o semi acquatico. Inoltre, è bene predisporre qualche tronco e rocce semi sommerse. Si tenga presente che la pulizia dell’acquaterrario e dell’arredamento deve essere abbastanza frequente per permettere la rimozione di avanzi di cibo e di escrementi, è consigliabile quindi orientarsi su elementi che siano di facile e veloce estrazione e resistenti.

Ecco alcuni strumenti importanti per garantire un buon funzionamento dell’acquaterrario: una pompa e un filtro per l’acqua; un riscaldatore per acquario, le tartarughe sono animali a sangue freddo e con una temperatura ai 20°C entrano in uno stato semi letargico, con conseguenze anche gravi sulla salute. Un riscaldatore provvederà a mantenere la temperatura dell’acqua tra i 23° e i 28°C.  Per fornire luce, e un po’ di calore, sarà sufficiente una lampada per acquari da 40 W; a questo punto, non sarà insolito trovare una tartaruga comodamente posizionata sotto una lampada. Inoltre, potrebbe rendersi necessario l’acquisto di una lampada UVB qualora non fosse possibile spostare quotidianamente l’acquaterrario per esporlo alla luce solare, tutti prodotti che si possono tranquillamente trovare nei negozi specializzati per animali (pet shop). Per quanto riguarda la loro alimentazione, esse si nutrono prevalentemente di gamberetti, facilmente reperibili nei negozi di animali. Quando crescono è bene integrare la loro dieta con carne e pesce, sia crudi che cotti.

Le tartarughe di terra, invece, sono quasi tutte protette ed è possibile detenerle e allevarle solo con speciali autorizzazioni. Prendersi cura di loro è sicuramente più impegnativo per la necessità di spazio. Se non disponete infatti di un piccolo giardino ben recintato in cui non possono entrare cani o gatti, il consiglio è quello di dotarvi di una teca di grandi dimensioni. Al suo interno vi dovrà essere una parte riparata, dove la tartaruga potrà ritirarsi per il letargo durante la stagione invernale. Per quanto riguarda il nutrimento, questo è molto diverso da quello delle tartarughe palustri. Le tartarughe di terra, infatti, mangiano principalmente frutta: anche gli avanzi vanno bene o, in alternativa, sono ghiotte di preparati che contengono cereali e carne. Nei negozi specializzati sono disponibili un gran numero di mangimi. Per quanto riguarda l’acqua, è necessaria una piccola ciotola: ricordatevi di cambiarla spesso, affinché non diventi stagnante.