Le iguane sono animali dall’aspetto strano, simile a quello che probabilmente dovevano presentare alcuni rettili preistorici. Milioni di anni fa i rettili erano la forma di vita dominante sulla terra; con l’affermarsi dei mammiferi, i rettili cominciarono a diminuire. Le iguane sono rettili molto affascinanti: simili alle lucertole, ma molto più grandi e più lente nei movimenti, quando raggiungono l’età adulta si caratterizzano per la tipica cresta che portano sul dorso, più evidente nei maschi che nelle femmine. Le iguane sono tra i rettili più grandi presenti sulla terra dato che possono raggiungere il metro e ottanta in cattività e i due metri e mezzo in natura. Il corpo di un’iguana è ricoperto di squame, che a volte sono vivacemente colorate. Diversi tipi di iguane hanno creste di spine molli, disposte come i denti di un pettine; le creste si estendono lungo il dorso dalla parte posteriore del capo fin verso la metà della lunga coda. Le iguane appartengono a una grande famiglia di rettili, gli iguanidi, diffusi esclusivamente nelle americhe, vive infatti nella fascia che si estende dal Messico meridionale fino al Brasile centrale, al Paraguay, Al Galapagos, alla Bolivia, e ai Caraibi, a parte due generi viventi nel Madagascar e nelle isole Figi.
Una delle specie più comuni è l’iguana verde, diffusa nelle selve dell’America meridionale e centrale. E’ il più grande della famiglia che può raggiungere il metro e sessanta circa, di cui un metro è la coda. Queste vivono esclusivamente sugli alberi, preferibilmente vicino ai fiumi; hanno molti nemici, compreso l’uomo che le caccia per le carni prelibate; è però molto difficile catturarlo. Le iguane scendono dagli alberi solo per deporre le uova, accoppiarsi, o semplicemente cambiare zona.
Sebbene l’iguana possa apparire agli occhi di molti come un animale preistorico e incapace di trasmettere emozioni (al contrario degli occhietti dolci di cani e gatti), è divenuto oggi, al contrario, un animale domestico a tutti gli effetti. È possibile acquistare l’animale in negozi specializzati e si può ospitare in casa realizzando una teca apposita che riesca ad accoglierlo e ad assolvere tutte le sue necessità. Il luogo ideale per accogliere un’iguana in casa è una teca di vetro piuttosto grande: dal momento che il rettile presenta una crescita molto rapida, deve perciò avere la possibilità di potersi muovere liberamente in uno spazio sufficientemente ampio, adeguato alle sue dimensioni. Allevando una iguana bisogna ricordare che si tratta di un animale a sangue freddo, e che sarà necessario riprodurre le condizioni ambientali il più possibile simili a quelle originarie del suo habitat naturale, ovvero un ambiente caldo e umido; hanno bisogno di un livello di circa il 70-80% di umidità, per mantenere questo livello e’ consigliabile tenere nel terrario una vaschetta d’acqua riscaldata e spruzzare con un nebulizzatore 1-2 volte al giorno l’interno. Per ottenere il calore indispensabile alla sua crescita, alla sua sopravvivenza e alla giusta calcificazione delle sue ossa, è fondamentale installare una lampada a raggi UV-B nella sua teca e lasciarla accesa almeno 12 ore al giorno.
Le iguane sono generalmente vegetariane: si nutrono di foglie, fiori, frutti e germogli per cui l’amica a quattro zampe dovrà essere nutrita con l’80% di verdura cruda, il 15% di ortaggi e il 5% di fiori e frutta. La sua dieta dovrà inoltre essere ricca e varia, per non causarle problemi di salute. Nel menù tipico di un’iguana non devono mai mancare i pellettati di erba medica, la lattuga, le verdure a foglia verde o rossa, da alternare a fiori di ibisco, fiori di zucca, fiori di dente di leone, oltre a mele e pere. È bene evitare di farle mangiare vegetali come cavoli e spinaci perché sono ricchi di ossalati i quali risultano essere nocivi per la tiroide e i reni, quindi devono essere somministrati solo saltuariamente e non rientrare nella dieta base, le patate e le foglie di pomodoro, in quanto non sono salutari per il suo benessere gastrointestinale. Ai giovani devono essere somministrati integratori di calcio+vit.D3 giornalmente e di vitamine 2 volte a settimana, agli adulti deve essere somministrato calcio ogni 2/3 pasti e vitamine 1 volta a settimana.